Cremazione Somma Vesuviana Sant’Anastasia Scisciano

Un servizio di cremazione per chi non desidera la tradizionale tumulazione

Nel caso in cui il defunto, congiuntamente al benestare della famiglia, abbia espresso la volontà di essere cremato, la nostra agenzia di pompe funebri esegue un servizio di cremazione a Somma Vesuviana Sant’Anastasia e Scisciano, il quale può costituire senza dubbio una valida alternativa alla più tradizionale tumulazione o inumazione della salma stessa. La nostra impresa si occupa di tutto ciò che ruota attorno al rito della cremazione dal disbrigo delle relative pratiche al trasporto della salma presso la struttura crematoria più vicina, passando per la scelta e il ritiro dell’urna cineraria selezionata dal cliente.
La cremazione è ai giorni d’oggi una pratica scelta da un notevole numero di persone, la quale richiede però delle regole e delle procedure molto precise. Una di queste è costituita dal rispetto delle volontà testamentarie atte a certificare la volontà del defunto. Infatti la cremazione può avere luogo solo se quest’ultimo ha espresso in vita la volontà di essere cremato. Tale intenzione andrà poi accertata attraverso documenti scritti, come ad esempio l’iscrizione ad associazioni per la cremazione, oppure l’apertura del testamento e la sua verifica da parte di un notaio. In caso non vi fossero volontà scritte, si procederà ad adempiere alle volontà dei parenti di primo e secondo grado del defunto, i quali potranno decidere per la cremazione della salma.
Come già detto in precedenza, le Onoranze Funebri Cora offrono un servizio di cremazione a Somma Vesuviana Sant’Anastasia e Scisciano che prevede la gestione di tutte le procedure e l’iter burocratico atto a svolgere la cremazione del defunto. Successivamente a quest’ultima, le ceneri del funto verranno poi tumulate negli appositi loculi, oppure dispersi, previa autorizzazione e verifica delle volontà testamentarie, oppure infine conservate nell’apposita urna cineraria secondo le norme di legge.
In base alla scelta da voi effettuata, le Onoranze Funebri Cora sapranno consigliarvi la soluzione più appropriata, coniugando sempre alta qualità e giusto prezzo.

CONTATTO DIRETTO 24 ORE SU 24
Per qualsiasi informazione, richiesta di intervento o per ricevere un preventivo gratuito.
Un nostro consulente ti raggiungerà a domicilio in brevissimo tempo.

Email: onoranzecorasrl@gmail.com
Tel. 0815318061
365 giorni l’anno, anche di domenica e nei giorni festivi

In caso di decesso è necessario effettuare le seguenti operazioni:

Se il decesso avviene in casa è necessario: 
– Chiamare il medico curante che accerti le cause del decesso e compili i certificati ai fini della denuncia di morte;
– Entro 24 ore dal decesso denunciare presso l’Ufficiale di Stato Civile l’evento presentando il certificato del medico curante;
– Avvisare il medico necroscopo, appositamente incaricato dalla ASL che procederà, non prima di 15 ore dal decesso e non dopo 30 ore, all’accertamento della morte e compilerà apposito certificato necroscopico necessario per il seppellimento;

Se il decesso avviene in ospedale o in casa di cura:
– Non occorre provvedere alla certificazione poichè è a cura dell’Amministrazione della struttura. Ai familiari resterà il compito di denunciare il decesso presso l’Ufficiale di Stato Civile;

In caso di morte violenta o di morte improvvisa, per strada o in luoghi pubblici, oppure in caso di morte di persone che vivono sole e non sono assistite:
– E’ necessario chiamare il 113 e avvertire l’Autorità Giudiziaria la quale, dopo gli accertamenti, darà disposizioni per la rimozione. Il medico legale provvederà alla compilazione dei certificati di rito.
Il funerale potrà essere svolto soltanto dopo che l’autorità giudiziaria avrà rilasciato il nulla osta al seppellimento.

Le Onoranze Funebri Cora sono in possesso di licenza di Pubblica Sicurezza e sono autorizzate a svolgere per conto dei familiari ogni tipo di pratica relativa all’evento.

Quando si può svolgere il funerale?
Il funerale si può svolgere dopo un minimo di 24 ore dal decesso. 

Le spese funerarie, quelle che si riferiscono al funerale vero e proprio, quindi al costo del cofano, dell’autofunebre e dell’espletamento dei documenti; oltre ad essere prestazioni esenti da IVA, possono essere detratte dalla dichiarazione dei redditi per un importo complessivo di Euro 1.549,37 la detrazione è del 19% quindi di Euro 294,38. Non sono deducibili invece le spese relative alle concessioni comunali cimiteriali, alle cremazioni, agli addobbi floreali, ai lavori su loculi e tombe nei quali inoltre vige l’applicazione dell’IVA.

Chi può fare la richiesta
Sono ammesse in detrazione le spese funerarie solamente in conseguenza della morte dei familiari compresi nell’elenco sotto indicato:
• il coniuge;
• i figli legittimi, legittimati, naturali, adottivi e in loro mancanza, i discendenti prossimi anche naturali;
• gli adottanti;
• i generi e le nuore;
• il suocero e la suocera;
• i fratelli e le sorelle germani o unilaterali.

Come fare la richiesta
L’Impresa Funebre, all’atto di pagamento, rilascia la fattura quietanza che può essere detratta l’anno successivo direttamente sulla denuncia del modello 740 o 730.
La fattura può essere intestata ad una sola persona o cointestata a più aventi diritto, in tal caso la detrazione sarà suddivisa per gli intestatari. Chiunque usufruisce della detrazione di spese funerarie può farlo una sola volta nell’anno interessato ossia per un solo familiare deceduto.